Catechisim par furlan (4) – Dal secont articul dal credo

Il secont articul dal credo nus insegne che il Fi di Diu al è la seconde persone de Santissime Trinitât: che lui al è Diu eterni, onipotent, creadôr e Signôr, come il Pari; che si è fat om par salvânus; e che il Fi di Diu fat om al è Jesù Crist.

La seconde persone si clame Fi parcè che e je gjenerade dal Pari par vie di intelet di dute la eternitât; e par chel si clame ancje Verbo eterni dal Pari. Si clame Fi unic di Diu Pari parcè che lui sôl al è par nature so Fi, e nô o sin i siei fîs par creazion e par adozion. Si clame Signôr nestri parcè che in plui di vênus creâts insiemi cul Pari e cul Spirtussant par vie che al è Diu, nus à ancjemo dongje redimûts sicu Diu e om. Si clame Jesù, che al vûl dî Salvadôr, parcè che nus à salvâts de muarte eterne meretade pai nestris pecjâts. Il non di Jesù al Fi di Diu fat om i à dat il stes Pari eterni par mieç dal arcagnul Gabriel, cuant che chest ultin i anunzià a la Vergjine il misteri de Incarnazion. Il Fi di Diu fat om si clame ancje Crist, che al vûl dî «ont e consacrât», parcè che par antîc a onzevin i rês, i sacerdots e i profetis; e Jesù al è Re dai Rês, Sacerdot suprem e Profet suprem.

La unzion di Jesù Crist no fo corporâl, come chê dai rês, sacerdots e profetis de antichitât, ma dut spirituâl e divine parcè che la plenece de divinitât e je a stâ in lui par sostance. I oms a verin cognizion di Jesù Crist prime de sô vignude, pe promesse dal Messie che Diu ur fasè ai nestris progjenitôrs Adam e Eve, e che al tornà a fâur ai patriarcjis sants; e pes profeziis e lis cetantis figuris che lu designavin. O savìn che Jesù Crist al è pardabon il Messie e Redentôr imprometût dal jessisi adempît in lui: 1° dut ce che a anunziavin lis profeziis; 2° dut ce che a rapresentavin lis figuris dal Vieri Testament. Lis profeziis a predisevin dal Redentôr la tribù e la famee che di chês al veve di saltâ fûr; il lûc e il timp de nassite; i siei miracui e lis circostancis plui piçulis de sô passion e muarte; la sô resurezion e assension tal cîl; il so ream spirituâl, universâl e perpetui, ven a stâi la sante Glesie catoliche.

Lis figuris principâls dal Redentôr tal Vieri Testament a son Abêl l’inocent; Melchisedek sacerdot suprem; il sacrifici di Isac; Josef vendût dai siei fradis; il profete Jone; l’agnel di Pasche; e il sarpint di bronç che Mosè al metè parsore di une piertie tal desert. O savìn che Jesù Crist al è vêr Diu: 1° de testemoneance dal Pari cuant che al disè: «Chel chi al è gno Fi il preferit, là che jo o ài metude dute la mê contentece: scoltaitlu»; 2° de atestazion di Jesù Crist stes, confermade cui miracui plui maraveôs; 3° de dotrine dai apuestui; 4° de tradizion costante de Glesie catoliche. I miracui principâi fats di Jesù Crist a son, in plui de sô resurezion, la salût ripuartade tai malâts, la viste tai vuarps, la uldide tai sorts, la vite tai muarts.