25. Catechisim par furlan, 1905 – La cresime

Il sacrament de cresime nus da il Spirtu Sant, nus inficje te anime il caratar di soldats di Jesù Crist e nus fâs deventâ cristians perfets. La cresime e fâs di nualtris cristians perfets, stant che nus conferme te fede e e perfezione lis altris virtûts e i altris dons che o riceverin tal batisim, pa la cuâl chest sacrament si clame confermazion. I dons dal Spirtu Sant che o ricevìn te cresime a son siet: la sapience, l’intelet, il consei, la fuartece, la sience, la pietât e il timôr di Diu.

La materie di chest sacrament, in plui de imposizion des mans dal vescul, e je la unzion fate sul cerneli dal batiât cul crisme, pa la cuâl chest sacrament si clame ancje cresime, ven a stâi «unzion». Il crisme al è un miscliç di vueli e di balsim, che il vescul al à consacrât te joibe sante. Ce isal il significât dal vueli e dal balsim in chest sacrament? Il vueli, che si espant e al fortifiche, al significhe la gracie bondante, che si slargje te anime dal cristian par confermâlu te fede; e il balsim, che al è nulint e al difint de coruzion, al significhe che il cristian, fortificât di cheste gracie, al è in stât di dâ fûr il bon odôr di virtût cristiane e di vuardâsi de coruzion dai vizis. A rivuart de forme di chest sacrament, e je cheste: Signo te signo crucis et confirmo te chrismate salutis, in nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti, amen.

Il ministri ordenari dal sacrament de cresime al è il sôl vescul. Par conferî chest sacrament, prin il vescul al slungje lis mans sore dai cresimants, invocant sore di lôr il Spirtu Sant; po cul crisme al fâs une unzion in forme di crôs sul cerneli di ognidun di lôr, disint lis peraulis de forme; po cu la diestre al da un pataf lizêr te muse di ognidun di lôr, disintji: Pax tecum; tal ultin ju benedìs ducj cun solenitât. La unzion si fâs sul cerneli, chel toc di muse che al mostre i segns dal timôr e dal rossôr, cul fin che il cresimât al capedi che nol à di deventâ ros pal non e pe profession di cristian, ni di vê pôre dai nemîs de fede. Si da un pataf lizêr te sô muse par che al savedi che al à di jessi pront a patî ogni afront e ogni pene, pe fede di Jesù Crist.

Ducj a àn di procurâ di ricevi il sacrament de cresime e di fâ che i lôr dipendents lu ricevedin. Al è ben che la cresime si fasedi tacant dai siet agns di etât cirche, stant che al è in chel periodi che lis tentazions pal solit a àn inizi, e si pues cognossi avonde la gracie di chest sacrament e ricuardâsi di vêlu ricevût. Par fâ in maniere degne la cresime, bisugne jessi in gracie di Diu, cognossi i misteris principâi de nestre fede sante e ricevi chest sacrament cun riverence e devozion. Pecjaressial chel che al ricevès la cresime une seconde volte? Sì, al cometarès sacrilegji parcè che la cresime e je un di chei sacraments che a inficjin il caratar te anime, e par chel o podìn ricevile dome une volte.

Par conservâ la gracie de cresime, il cristian al à di preâ dispès, di fâ oparis buinis e di vivi seont la leç di Jesù Crist, cence rispiet uman. Te cresime a son presints ancje i santui e lis santulis; cu lis peraulis e cui esemplis lôr a indrecin il cresimât te strade de salvece e lu judin te milizie spirituâl. La persone che e fâs di santul o di santule e à di jessi di etât juste, catoliche, cresimade, istruide tes robis plui necessariis de religjion e di bogns costums; e cjape sù cul cresimât e cui siei gjenitôrs il stes leam di parintât spirituâl che si cjape sù tal batisim. || Tabele