26. Catechisim par furlan, 1905 – La eucaristie

La nature di chest sacrament e la presince reâl di Jesù Crist in chel stes

Il sacrament de eucaristie, pe conversion mirabile di dute la sostance dal pan intal cuarp di Jesù Crist e di chê dal vin intal so sanc preziôs, al conten in maniere vere, reâl e sostanziâl il cuarp, il sanc, la anime e la divinitât dal stes Jesù Crist nestri Signôr sot lis speciis dal pan e dal vin par jessi il nestri nudriment spirituâl. Te eucaristie al è par vêr il stes Jesù Crist che al è in cîl e che al nassè in tiere de Santissime Vergjine. O crodìn che tal sacrament de eucaristie Jesù Crist al è presint par vêr parcè che lui stes lu disè, e nus al insegne la Sante Glesie.

La materie dal sacrament de eucaristie e je chê doprade di Jesù Crist, valadì il pan di forment e il vin di vît. La forme dal sacrament de eucaristie e sta tes peraulis dopradis di Jesù Crist: «Chest al è il gno cuarp; chest al è il gno sanc». La ostie prime de consacrazion e je pan; dopo de consacrazion la ostie e je il vêr cuarp dal nestri Signôr Jesù Crist sot lis speciis dal pan. Tal cjaliç prime de consacrazion al è vin cun cualchi gote di aghe; dopo de consacrazion tal cjaliç al è il vêr sanc dal nestri Signôr Jesù Crist sot lis speciis dal vin.

La conversion dal pan intal cuarp e dal vin intal sanc di Jesù Crist si fâs tal moment stes che il sacerdot, te sante messe, al pronunzie lis peraulis de consacrazion. La consacrazion e je la rinovazion, par mieç dal sacerdot, dal miracul fat di Jesù Crist te ultime cene di tramudâ il pan intal so cuarp adorabil e il vin intal so sanc adorabil, disint: «Chest al è il gno cuarp; chest al è il gno sanc». La conversion miracolose dal pan e dal vin intal cuarp e intal sanc di Jesù Crist, conversion che si fâs ogni dì sui nestris altârs, e je clamade de Glesie transustanziazion. Al è il stes Signôr nestri Jesù Crist che al jemplà di tante virtût lis peraulis de consacrazion, lui che al è Diu onipotent.

Dopo de consacrazion a restin dome lis speciis dal pan e dal vin. Lis speciis a son la cuantitât e lis cualitâts sensibilis dal pan e dal vin, come la forme, il colôr e il savôr. Lis speciis dal pan e dal vin a restin in maniere mirabile cence la lôr sostance par virtût di Diu onipotent. Nol è il câs che sot lis speciis dal pan al sedi dome il cuarp di Jesù Crist, e che sot lis speciis dal vin al sedi dome il so sanc; tant sot lis speciis dal pan e tant sot lis speciis dal vin al è dut Jesù Crist vivent, in cuarp, sanc, anime e divinitât.

Parcè tant te ostie e tant tal cjaliç isal dut Jesù Crist? Lui te eucaristie al è vîf e imortâl come in cîl; par chel dulà che al è il so cuarp al è ancje il sanc, la anime e la divinitât, e dulà che al è il so sanc, al è ancje il cuarp, la anime e la divinitât, jessint dut chest inseparabil in Jesù Crist. Cuant che Jesù Crist al è te ostie, nol cesse di jessi in cîl, ma si cjate tal stes timp in cîl e in chest sacrament santissim; par prionte Jesù Crist si cjate in dutis lis ostiis consacradis dal mont par onipotence di Diu, che nol è nuie che lui nol puedi fâ. Cuant che si romp la ostie no si romp il cuarp di Jesù Crist, ma si rompin dome lis speciis dal pan. Il cuarp di Jesù Crist al reste intîr in dutis lis parts dividudis de ostie. Tant intune ostie grande e tant intune particule di une ostie al è Jesù Crist stes. La eucaristie si conserve tes glesiis a fin che e sedi adorade dai fedêi, e puartade ai malâts seont la bisugne; ducj a àn di adorâle parcè che e conten in maniere vere, reâl e sostanziâl il nestri Signôr Jesù Crist, lui stes.

La istituzion e i efiets dal sacrament de eucaristie

Jesù Crist al istituì il sacrament de eucaristie te ultime cene, che al fasè cui siei dissepui la sere prime de sô passion, par trê resons principâls: par che la eucaristie e sedi il sacrifici de leç gnove; par che la eucaristie e sedi il nudriment de nestre anime; e par che la eucaristie e sedi un memoriâl perpetui de sô passion e muart, e un pegn preziôs no dome dal so amôr viers di nualtris ma ancje de vite eterne. Al istituì chest sacrament sot lis speciis dal pan e dal vin parcè che la eucaristie e veve di jessi il nestri nudriment spirituâl, e par chel al leve ben che nus fos dade in forme di mangjative e di bevande.

I efiets principâi che la eucaristie e prodûs in chel che la ricêf in maniere degne a son chescj: e conserve e e incrès la vite de anime che e je la gracie, come che il nudriment materiâl al sosten e al incrès la vite dal cuarp; e fâs la remission dai pecjâts veniâi e e preserve di chei mortâi; e prodûs la consolazion spirituâl. La eucaristie e prodûs in nualtris ancjemò trê efiets, ven a stâi: e indebilìs lis nestris passions e, in particolâr, e moreste in nualtris lis flamis de concupissence; e incrès in nualtris il fervôr de caritât viers di Diu e viers dal prossim e nus jude a compuartâsi in uniformitât cui desideris di Jesù Crist; nus da un pegn de glorie che e vignarà e de resurezion dal nestri cuarp.

Lis disposizions che a coventin par comunicâsi ben

Il sacrament de eucaristie al prodûs in nualtris i siei efiets maraveôs cuant che si ricêf cu lis disposizions che a coventin. Par fâ la comunion in maniere buine a coventin trê cundizions: jessi in gracie di Diu; jessi a dizun de miezegnot fint al at de comunion; savê ce robe che si ricevarà e lâ a comunicâsi cun devozion. Il jessi in gracie di Diu al sta tal vê la cussience pure e monde di ogni pecjât mortâl. Chel che al sa di jessi in pecjât mortâl prime di lâ a comunicâsi al à di fâ une buine confession, stant che l’at di contrizion perfete cence la confession no i baste a di chel che al è in pecjât mortâl par comunicâsi come che si conven: la Glesie e à fissât, in segn di rispiet par chest sacrament, che chel che al è colpevul di pecjât mortâl nol olsedi di fâ la comunion se prime no si è confessât. Chel che al fâs la comunion in pecjât mortâl al ricêf Jesù Crist, ma no la sô gracie, anzit al comet sacrilegji e si fâs meritevul de sentence di danazion.

Prime de comunion al covente fat il dizun naturâl, che si romp par ogni piçule robe che si cjol par mût di mangjative o di bevande. Chel che al glot cualchi robe restade fra i dincj, o cualchi gote di aghe tal lavâsi, al pues ancjemò fâ la comunion, stant che chestis robis o no si cjapin par mût di mangjative o di bevande, o ind àn za pierdude la nature. Il fâ la comunion cence jessi a dizun al è permetût ai malâts in pericul di muart e a di chei che ind àn otignude une dispense speciâl dal pape par vie di malatie sprolungjade. La comunion fate dai malâts in pericul di muart si clame viatic parcè che ju sostente tal viaç che a fasin di cheste vite viers la eternitât.

«Savê ce robe che si ricevarà» al vûl dî: cognossi chês robis che si insegnin su di chest sacrament te dutrine cristiane, e crodi a di chestis a fuart. «Lâ a comunicâsi cun devozion» al vûl dî: fâ la comunion cun umiltât e modestie, te persone come ancje tal vistît, e fâ la preparazion prime, e il ringraciament dopo, de comunion. La preparazion prime de comunion e sta tal fermâsi par un timp in mût di considerâ cui che o lin a ricevi e cui che o sin nualtris; e tal fâ ats di fede, di sperance, di caritât, di contrizion, di adorazion, di umiltât e di desideri di ricevi Jesù Crist. Il ringraciament dopo de comunion al sta tal restâ racuelts in mût di onorâ dentri di nualtris stes il Signôr, tornant a fâ i ats di fede, di sperance, di caritât, di adorazion, di ringraciament, di ufierte e di domande, soredut di chês graciis che di plui a coventin par nualtris e par chei altris che par lôr o sin obleâts a preâ. Te dì de comunion si à di stâ racuelts par trop che al è pussibil, stâ daûr des oparis di pietât e puartâ insom cun maiôr diligjence i dovês dal propri stât. Dopo de comunion Jesù Crist al reste in nualtris cu la sô gracie fintant che no si pecjedi in mût mortâl, e cu la sô presince reâl al reste in nualtris fintant che no si sedin consumadis lis speciis sacramentâls.

La maniere di comunicâsi

Tal at di ricevi la comunion bisugne stâ in zenoglon, tignî il cjâf a pene alçât, i vôi modescj e voltâts viers de particule sacre, la bocje avonde vierte e la lenghe un pôc avanzade sui lavris. La tovaie de comunion bisugne tignîle in mût che e racueiedi la particule sacre tal câs che cheste ultime e vignìs a colâ. O vin di procurâ di gloti la particule sacre prime pussibil, e par un timp stratignîsi di spudâ. Se la particule sacre si tacàs al cîl de bocje, si varès di distacâle cu la lenghe, e no cul dêt.

Il precet de comunion

O sin obleâts a comunicâsi une volte ad an, te Pasche di Resurezion, ognidun te sô parochie, e ancjemò in pericul di muart. Il comandament de comunion di Pasche al è vincolâr a pene che il frut al è bon di ricevi il sacrament cu lis disposizions che i vuelin. Chel che, vint la etât juste par jessi ametût te comunion, no si comuniche, o parcè che nol vûl o ben parcè che par colpe sô nol è istruît, fûr di ogni dubi al fâs pecjât. A fasin pecjât ancje i siei gjenitôrs, o chei che a cjapin il puest di chescj ultins, se il rimandâ de comunion al sucêt par colpe lôr, e di chest a varan di dâi cont in maniere rigorose a Diu. Al è une vore vantazôs lâ dispès a fâ la comunion, a pat che si le fasedi cu lis disposizions dovudis. O podìn fâ la comunion cun chê maiôr frecuence che nus sedi conseade di un confessôr devot e studiât. || Tabele