30. Catechisim par furlan, 1905 – L’ordin sacri

L’ordin sacri al è il sacrament che al da la potestât di esercitâ i ministeris sacris che a rivuardin il cult di Diu e la salvece des animis, e che al inficje te anime di chel che lu ricêf il caratar di ministri di Diu. Si clame ordin parcè che al consist in grâts diviers, l’un subordenât a di chel altri, che di chei e risulte la jerarchie sacre. Framieç di chescj grâts il massim al è l’episcopât, che al conten la plenece dal sacerdozi, po il presbiterât o sacerdozi sempliç, po il diaconât e i ordins che si disin minôrs.

Jesù Crist al istituì daurman i doi grâts superiôrs dal ordin sacri, che a son l’episcopât e il sacerdozi sempliç; po par mieç dai apuestui al istituì il diaconât, che di chest ultin a saltin fûr chei altris ordins inferiôrs. L’ordin sacerdotâl lu istituì Jesù Crist te ultime cene co ur conferì ai apuestui e ai lôr sucessôrs la potestât di consacrâ la eucaristie santissime; po te dì de sô resurezion ur conferì il podê di fâ o di no fâ la remission di un pecjât, cussì fasint di lôr i prins sacerdots de leç gnove in dute la plenece de lôr potestât. Il ministri di chest sacrament al è il sôl vescul. La dignitât dal sacerdozi cristian e je grandissime pe potestât dople, conferide a di chel di Jesù Crist, sul so cuarp reâl e sul so cuarp mistic, o sei su la Glesie, e pe mission divine che ur è stade confidade ai sacerdots di menâ ducj i oms a la vite eterne.

Il sacerdozi catolic al è necessari te Glesie parcè che, cence chest, i fedêi a saressin disprivâts dal sant sacrifici de messe e de plui part dai sacraments, no varessin cui che ju istruìs te fede, e a restaressin tant che pioris cence pastôr par jessi cjapadis dai lôfs: in pocjis peraulis no esistarès plui la Glesie come che Jesù Crist le istituì. A dispiet de vuere che l’infier al fâs cuintri dal sacerdozi catolic, chest ultin nol cessarà mai su la tiere; al durarà fint a la fin dai secui, vint Jesù Crist imprometût che la potestât dal infier no rivarà mai a vêle vinçude cuintri de sô Glesie. Il spreç dai sacerdots al è pecjât gravissim, stant che il dispreseament e lis insolencis che si indrecin cuintri di lôr a colin sore di Jesù Crist stes, lui che ur disè ai siei apuestui: «Chel che us spresee vualtris mi spresee me».

Il fin di chel che al cjape sù il stât gleseastic al à di jessi in maniere esclusive la glorie di Diu e la salvece des animis. E covente, prin di dut, la vocazion divine par jentrâ tal stât gleseastic; par savê se Diu al clame a di chel stât si scuen: preâ cun fervôr il Signôr che al palesedi la sô volontât; domandâi consei al so vescul o a di un diretôr savi e prudent; esaminâ cun diligjence se si à la abilitât che e covente par puartâ insom i studis, i ministeris e i oblics di chest stât. Chel che al jentre tal stât gleseastic cence vocazion divine al comet un mâl di chei grâfs e si met in pericul di perdizion. I gjenitôrs che, par motîfs temporâi, a indusin i lôr fîs a cjapâ sù cence vocazion il stât gleseastic a cometin ancje lôr une colpe gravissime, stant che, fasint cussì, a usurpin il dirit che Diu al risierve dome par sè di sielzi i siei ministris e a metin i lôr fîs in pericul di danazion eterne.

Chescj a son i dovês dai fedêi viers di chei che a son stâts clamâts ai ordins sacris: lassâur ai lôr fîs e dipendents plene libertât di lâ daûr de vocazion di Diu; preâ Diu che si degnedi di invistî la sô Glesie di bogns pastôrs e ministris curients, jessint ancje a di chel fin istituîts i dizuns des cuatri timporis; vê un rispiet singolâr viers di ducj chei che a son, par mieç dai ordins, consacrâts al servizi di Diu. || Tabele