Tignît dûr te preiere

La atenzion e je la essence stesse de orazion: a pene che la nestre atenzion e cesse, cussì e cesse ancje la nestre orazion. Se o lassìn, vint tacât a preâ, che la ment e sedi distrate di cualchi altre ocupazion o altri pinsîr, o fasìn dal sigûr finî la orazion, e o tornìn a fâle dome in chel moment che la atenzion de ment si discjol dal ogjet de distrazion. Al è sbaliât ameti la distrazion cuant che o sin obleâts a dedicâsi a la orazion; in assence però di chel oblic o podìn passâ dal sogjet de orazion, a cundizion che si fasedi cence iriverence, a di cualsisei altri sogjet just. Dut chest al è facil in rivuart a la orazion mentâl, ma te orazion vocâl ise esizibile la stesse atenzion di chê mentâl, in altris peraulis, co si pree a vôs, vino di dâi abade al significât des peraulis, e se o cessìn di fâlu, cessìno propit par chel cont di preâ?

Fra la orazion mentâl e chê vocâl e je propit cheste diference, che la orazion mentâl no je pussibile cence dâur abade ai pinsîrs cuant che o cirìn di esprimi il nestri sintiment cu lis nestris peraulis, là che pe orazion vocâl autentiche e baste la ripetizion di ciertis peraulis, par solit une forme fisse cu la intenzion di doprâle te orazion: a cundizion che la intenzion e duredi, ven a stâi che no si fasedi nuie par fâle cessâ e nuie di incompatibil cun cheste, e a cundizion che o continuedin a preâ disint sù la forme de orazion, cu la riverence dovude te disposizion e tal mût esteriôr, e che nissun pinsîr o at esteriôr nol sedi di distrazion fasint cessâ la nestre intenzion o, par iriverence, di contrarietât cu la orazion, cun dome chest fin gjenerâl di preâ seont la forme prescrivude, la orazion vocâl no ven sierade, e cussì o podìn preâ tes stradis plenis di int, dulà che al è impussibil evitâ imagjins e suns e, tant che consecuence, chei pinsîrs che nus vegnin in ment.

A cundizion che o ripetedin lis peraulis de orazion e o evitedin ogni distrazion intenzionâl de ment in cont di robis che no rivuardin in nissun mût la orazion, o podìn, par infermitât mentâl o inavertence, ameti numerôs pinsîrs no leâts al ogjet de orazion, cence iriverence: sigûr che cheste misure ridote de atenzion no permet di gjavâ de orazion chel stes vantaç spirituâl che al varès di puartânus; anzit, contentâsint di regule nus puartarès a ameti distrazions ad libitum e cence merit. Par chel al è oportun no dome mantignî la ment incentrade su la orazion, ma ancje rifleti sul sens di cheste ultime e, par tant che o podìn, considerâ il significât di cualchi sintiment o espression che e palese. Par coltivânt il costum, o podìn recitâ dispès ciertis orazions ben cognossudis (il credo, il Pari nestri, la Ave Marie) cussì a planc di podê ameti un respîr fra lis peraulis o fra lis frasis principâls, cul fin di vê il timp di contemplâ il lôr significât e di provâ tal cûr lis emozions justis.

La orazion e covente pe salvece, jessint di precet te Scriture: «Vualtris alore preait cussì: Pari nestri, che tu sês tai cîi, che al sedi santificât il to non, che al vegni il to ream, che e sedi fate la tô volontât come in cîl, cussì in tiere. Danus vuê il pan che nus covente, parinus jù i nestris debits come che nô ur ai parìn jù ai nestris debitôrs; e no sta molânus te tentazion, ma liberinus dal mâl» (Matieu 6,9-13); «Par chel us dîs: Domandait e us vignarà dât; cirît e o cjatarês; tucait e us vignarà viert» (Luche 11,9); «Tignît dûr te preiere e veglait in jê cun ricognossince» (Colossês 4,2); «La fin di dutis lis robis e je dongje. Viodêt duncje di vê sintiment e di savêsi misurâ par atindi a la preiere» (1 Pieri 4,7). Il precet nus impon dome ce che al è pardabon necessari tant che mieç di salvece. Cence la orazion no podìn resisti a lis tentazions, ni otignî la gracie di Diu, ni cressi e condurâ in cheste ultime. La bisugne di preâ ur tocje a ducj, seont il lôr stât te vite, in ogni moment: «Ur contà une parabule par mostrâur che a vevin di preâ simpri, cence mai stufâsi» (Luche 18,1).