De imitazion di Crist (libri I, cjapitul IV), de discrezion te maniere di fâ.

1. Daûr di ogni peraule, di ogni inclinazion no si à di lâ, ma cun cautele e cun pazience si à di misurâ la robe seont Diu. Joi, cussì e je la nestre debilece, che di chei altris plui dispès al è il mâl che al ven crodût e dit, impì dal ben. I oms perfets però no crodin cun facilitât a dut ce che si dîs: chescj a san che la debilece umane e je puartade al mâl e masse sbrissote tes peraulis.

2. Al pant tant sintiment chel che nol è precipitôs di azion, che no si ustine tes sôs concezions, cussì come chel che nol va daûr di cualsisei peraule, che no ur fâs vignî in orele a di chei altris dut ce che al sint o che al crôt.

3. Conseiti cuntun om savi e laconic, e cîr di fâti inscuelâ di un che al è miôr di te, invezit di lâ daûr des tôs pensadis. La buine vite e fâs che un om al sedi savi seont Diu, e competent intune vore di cuistions. Plui un om al sarà umil in sè stes, e sometût a Diu, e plui al sarà savi e cuiet in dutis lis robis.