De imitazion di Crist, libri I, cjapitul VII. Dal vuardâsi de sperance vueide e de supierbie.

De imitazion di Crist, libri I, cjapitul VII.
Dal vuardâsi de sperance vueide e de supierbie.

1. Cence sintiment al è chel che al met la sô sperance tai oms o tes creaturis. Di jessi a servizi di chei altris pal amôr di Jesù Crist, di comparî puar in chest mont no sta vergognâti. Su di te stes no sta reziti, ma in Diu salde la tô sperance. Fai ce che al è in te, e daûr de tô buine volontât Diu ti darà une man. De tô sience, de astuzie dai oms no sta fidâti, ma de gracie di Diu pluitost, lui che al jude i umii, e chei che a fasin cun presunzion al umilie.

2. Des ricjecis se tu ind âs no sta gloriâti, e nancje dai amîs potents, ma di Diu invezit, lui che al furnìs dut, lui che plui di ogni altre robe al vûl dâsi sè a nualtris. De grandece o de bielece dal cuarp no sta laudâti, che par colpe ancje di un alc di infermitât si vuaste e si disforme. De tô abilitât o dal to inzen no sta complasêti, par no che tu i displasedis a Diu, che di lui e à divignince ogni nestre bontât naturâl.

3. Di chei altris no sta calcolâti miôr, parcè che, denant di Diu, lui che al sa ce che al è tal om, salacor tu sarâs calcolât piês. In reson des tôs oparis buinis no sta fâ il supierbeôs, parcè che i judizis di Diu a son diferents di chei dai oms, e dispès i displâs a lui ce che ur plâs a lôr. Se in te tu âs alc di bon, crôt miôr di chei altris, par che tu conservedis la umiltât. Nol fâs dam che dai oms tu ti stimedis plui in bas, ma al fâs dam une vore che ancje di un sôl di lôr tu ti stimedis plui in alt. Cui umii e je la pâs continue, tal cûr invezit dai supierbeôs e je la gjelosie, e la indignazion frecuente.