De imitazion di Crist, libri I, cjapitul XII. Dal profit des traversiis.

De imitazion di Crist, libri I, cjapitul XII.
Dal profit des traversiis.

1. Al è miei par nualtris che o vedin ogni tant uns pôcs di travais e di impediments, in reson di chest, che dispès chescj a clamin l’om indentri, fasintlu inacuarzisi di cjatâsi intun esili, e fasintlu capî che nol à di stâ fidât su lis robis dal mont. Al risulte bon che nualtris des voltis o patedin contradizions, che si calcoledin bruts e imperfets, ancje se a saran buinis lis nestris azions, lis nestris intenzions. Chest nus zove dispès par contignîsi cun umiltât e nus vuarde de braùre, daspò di chest, che nus puarte a cirî Diu par testemoni didentri, co tal mont difûr o viodìn che i oms nus vilipendin, nus discreditin.

2. E inalore l’om al varès di dipendi di Diu in maniere cussì totâl, che dai oms nol varà dibisugne di cirî une vore di consolazions. L’om di buine volontât co al è tribulât, o tentât, o dai bruts pinsîrs travaiât, alore al sa di jessi ancjemò plui in dibisugne di Diu, che cence di lui al aferme di no podê fâ nuie; al zem e al pree pes miseriis che al patìs. Alore i pese di vivi plui a lunc, e al vûl che la muart e vignedi par che lu moledi dal cuarp e lu fasedi stâ cun Crist. Po si incjol ben ancje di chest, che tal mont no ind è sigurece, e nancje pâs complete.